Miglioranza e il Teatro Berga

11707590_983798298310467_4784385647784399200_n

Dal 12 luglio al 27 settembre 2015, gli interrati palladiani di Palazzo Chiericati a Vicenza ospitano la mostra “Miglioranza e il Teatro Berga. Disegni dall’800, immagini di oggi”, alla realizzazione della quale il Centro di cultura fotografica ha collaborato.

La mostra, attraverso il patrimonio inestimabile dei disegni ritrovati dopo un lungo lavoro di indagine e catalogazione, riporta in vita l’antico teatro romano di Berga, oggi visibile solo grazie alla forma semicircolare del quartiere sorto sulle sue fondamenta.

A ricongiungere il passato con il presente sono le fotografie di Marco Zorzanello, che ha ritratto chi oggi abita l’area del teatro, inserito nel contesto attuale dei luoghi: la cultura fotografica, questa volta, si sposa con l’archeologia.

Gli interrati palladiani ospitano 25 disegni di Giovanni Miglioranza (Vicenza, 1798-1861), architetto vicentino che si dedicò per buona parte della sua vita allo studio e agli scavi dell’antico Teatro romano di Berga.
Le opere provengono dalle collezioni grafiche di Palazzo Chiericati, mentre due disegni sono esposti grazie al prestito dalla Biblioteca Civica Bertoliana.
I disegni illustreranno piante, spaccati e prospetti realizzati dall’architetto nell’arco di trent’anni, prima basandosi sullo studio dei pochissimi resti visibili nell’ottocento e successivamente grazie agli scavi diretti dallo stesso Miglioranza.

Non mancherà il confronto tra l’ipotesi ricostruttiva del Miglioranza e l’articolazione planimetrica del teatro elaborata alla luce dei risultati degli interventi di scavo, rilievo e restauro delle strutture antiche diretti dalla Soprintendenza Archeologia negli ultimi decenni. Questo confronto sarà possibile grazie ad un video, realizzato dall’architetto Fabrizio Burtet Fabris, che proporrà inoltre la ricostruzione 3D del Teatro basata sui disegni del Miglioranza.

Seguici sulla nostra pagina Facebook per ogni aggiornamento o visita la pagina dedicata alla mostra sul sito dei Musei Civici di Vicenza per saperne di più.

Annunci